Privacy Policy
TEATRO VCASCELLO
s1spacerHOMEspacerSTORIAspacerIL VASCELLOspacerSTAGIONE 2016/2017spacerINFO e PREZZIspacerCONTATTIspacerLINKspacerARCHIVIO STAGIONIspacerPRODUZIONI
 

 

 

 

 

 

 

 




IL LIBRO DELLA GIUNGLA
da Rudyard Kipling

adattamento Valerio Russo
diretto da La Compagnia dei Giovani del Teatro Vascello
con Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari, Chiara Mancuso, Valerio Russo, Pierfrancesco Scannavino
musiche e canzoni originali Claudio Corona Belgrave
costumi e scene Clelia Catalano e Silvia Colafrancesco
produzione La Fabbrica dell'Attore Teatro Vascello


La Compagnia dei Giovani del Teatro Vascello propone un lavoro inedito tratto dalla raccolta di racconti Il libro della giungla di Rudyard Kipling. La Compagnia da sei anni affina la propria capacità di lavorare insieme senza alcuna gerarchia, il gruppo discute e seleziona le drammaturgie sulle quali lavorare insieme considerando gli spunti di riflessione e le potenzialità di ricerca che  ogni testo offre, sempre immaginando uno spettacolo che sia un prodotto capace di soddisfare il pubblico che ormai da tempo lo segue. Sia la riscrittura che la regia vengono ideate insieme passo a passo secondo un processo di improvvisazione che segue la creatività del gruppo e le scelte fatte sul testo. Le musiche e le canzoni sono inedite e composte da Claudio Corona Belgrave, richiamano atmosfere della cultura indiana così come i costumi e le scenografie, ideate dall'artista palermitana Clelia Catalano.
Il processo di lavoro parte da una riflessione sulla prima legge che anima e regola la giungla di Kipling, una parola d'ordine che unisce e regola i rapporti tra tutti gli animali: "siamo dello stesso sangue tu ed io". Questa è la prima cosa che il cucciolo d'uomo Mowgli, trovato ancora in fasce nella giungla da un branco di lupi, dovrà imparare per sopravvivere. Il piccolo eroe sarà guidato dai fedeli maestri Bagheera e Baloo che gli insegneranno come difendersi dai pericoli della giungla. Il suo destino sarà incontrare l'acerrimo nemico Shere Kahn, la tigre, che da sempre gli da la caccia in quanto odia e disprezza gli uomini. Nella messa in scena gli uomini sono rappresentati come ombre provenienti da un altro mondo, padroni del fuoco e della tecnica, ma capaci di sfruttare senza rispetto la natura e gli animali. Mowgli è un simbolo di libertà che insegna come l'uomo abbia bisogno di rispettare l'ambiente e gli esseri viventi per abbattere il proprio ego e la propria sete di potere.

Selvaggio e divertente, è il Mowgli del Vascello
Chiusura "in bellezza" per la Compagnia dei Giovani del Teatro Vascello di Roma. La stagione "dei piccoli", infatti, si è conclusa con uno spettacolo ben costruito, recitato alla perfezione, modulato su una drammaturgia brillante e originale. […] La rappresentazione ha visto un gruppo di attori davvero versatili che anche stavolta hanno dato prova di una maturità pienamente raggiunta.
Marco Togna, teatrionline.com

Info
Ufficio produzione Teatro Vascello Tel. 06 5881021 – 329 6012532
produzione@teatrovascello.it